Roma Antica Museo Archeologico di Napoli Piano Primo Villa dei Papiri o dei Pisoni Gruppo C

Chiamata anche Villa dei Pisoni, si situa al di fuori delle mura di Ercolano. Tuttora sepolta ad una notevole profondità (oltre 20 metri), è stata esplorata in epoca borbonica fra il 1750 ed il 1765 con il sistema dei cunicoli, grazie al quale sono state individuate e riportate alla luce 93 opere d'arte, per lo più statue in bronzo e marmo, che costituiscono solo una parte della ricca decorazione della villa, oltre alla biblioteca di 1758 rotoli di papiri, con testi greci di filosofia epicurea, che hanno dato il nome alla villa. Scavi recentissimi (anni '90) hanno fatto recuperare altre 4 opere d'arte.

  • 6007   Atena combattente
  • 6018   Statua di Eschine è stato un politico e retore (oratore o maestro di eloquenza) ateniese
  • 6105   Giovinetto orante
  • 6126   Statua di Isocrate, è stato un retore ateniese, uno dei maggiori maestri di retorica e un educatore degli individui che formeranno la nuova classe dirigente.
  • 6151   sovrano ellenistico (Antigono Monoftalmo?) è stato un militare macedone antico al seguito di Alessandro Magno in Asia; il soprannome è dovuto al fatto che rimase privo di un occhio.
  • 6152   Paniassi di Alicarnasso è stato un poeta greco antico, elencato nel Canone alessandrino dei poeti epici. Indice.
  • 6155   filosofo o poeta
  • 6158   Tolomeo III è stato un faraone egizio appartenente al periodo tolemaico, terzo sovrano della dinastia dal 246 a.C. al 222 a.C.
  • 27709   Pan e la capra

Torna al Menù del MANN piano Primo