Roma Antica Museo Archeologico di Napoli Collezione Farnese Piano Terra cortile

  • Doriforo giovane portatore di lancia da Pompei, Palestra Sannitica marmo bianco, databile primo quarto del I sec. d.C. Inv. 6011. E' probabile che il Doriforo rappresentasse un eroe omerico, in particolare, Achille: l'asta era stata l'arma per eccellenza, in battaglia e nelle gare, degli eroi omerici.
  • Marte Ultore statua proveniente dal foro di Cuma aula sillana, marmo bianco Seconda metà del I sec. d.C. Da Cuma. inv. 255775.
  • Busto di Giove torso colossale di Giove proveniente dal foro di Cuma fine I sec. d.C. inizi II sec. sec. d.C. inv. 6267 - La statua era collocata su un alto basamento in muratura, sul fondo della cella centrale del Capitolium nel Foro di Cuma insieme a quelle, altrettanto gigantesche, di Giunone e Minerva, così da costituire la triade capitolina, particolarmente venerata in età romana.
  • Afrodite la statua è databile fine I sec. o inizi II sec d.C. inv. 153654. È una copia proveniente dalla zona di Baia, é in fase di lavorazione avanzata ma non ultimata: ad eccezione del volto e dei capelli infatti, tutta la superficie risulta non levigata. L'originale bronzeo di stile severo, opera dello scultore Kalamis, dedicato nel 465 a. C. sull'Acropoli di Atene, era molto ammirato nell'antichità.
  • Diomede statua maschile proveniente dal santuario cumano di Apollo, databile metà del I sec. d.C. inv. 1 4978. Doveva probabilmente reggere nella mano destra la spada, nella sinistra il Palladio. Il Palladio era un idolo che aveva il potere di difendere un'intera città. Il più famoso era custodito nella città di Troia, a cui garantiva l'immunità: infatti la città fu distrutta solo dopo che Ulisse riuscì a rubare il Palladio.

  • Sarcofago Mito di Prometeo  proveniente da Pozzuoli, databile inizi del IV sec. d.C. inv. 6705. Il sarcofago racconta la creazione dell'uomo da parte di Prometeo. Il mito narra che è lui a creare la razza umana, è un titano amico dell'umanità e del progresso, ruba il fuoco agli dei per darlo agli uomini.
  • M. Nonio Balbo Statua equestre di Marco Nonio Balbo proveniente da Ercolano, luogo pubblico forse il Foro, databile ultimo quarto del I sec. a.C. inv. 6104 .

Torna al Menù del Museo Archeologico di Napoli piano Terra