Regio IX Circus Flaminius Area Sacra di largo Argentina Tempio C: Tempio Feroniae

area sacra cartina senza testijpg

È il più antico dei quattro, risale al IV o III secolo a.C., poggia su un altissimo podio in tufo (alto circa 3,8 metri), concluso in alto da una modanatura semplice di gusto arcaico. La pianta del tempio è circondata da colonne senza colonne sul retro. L’alto podio di tufo è concluso superiormente da una modanatura del tipo più semplice e antico. I muri della cella, in mattoni, e il mosaico pavimentale bianco con riquadratura nera appartengono a un restauro domizianeo, eseguito dopo il grande incendio che, nell' 80 d.C., distrusse gran parte del Campo Marzio. Sembra quanto mai probabile l'attribuzione del Tempio alla dea Feronia, antica divinità italica che aveva un santuario nel Campo Marzio già in epoca abbastanza antica (la prima notizia che ne abbiamo è del 217 a.C.). È possibile che si tratti della introduzione di un culto sabino, dopo la guerra contro i Sabini di M. Curio Dentato, nel 290 a.C.. Feronia è l'antica dea italica della fertilità protettrice dei boschi e delle messi (quindi correlata al grano che veniva distribuito, a titolo gratuito, nelle vicinanze).

 Torna al Menù della  Area Sacra di largo Argentina          Torna alla Home