Rione Pigna Fontane di Roma Fontana Galleria Doria Pamphilj Via del Corso civ. 305



Le origini del grandioso edificio risalgono alla metà a del XV secolo. Acquistato agli inizi del '500 dal cardinale Fazio Santoro, venne notevolmente ampliato, anche con la realizzazione di un magnifico cortile interno forse opera di Donato Bramante (1444-1514). In seguito alle pressioni di Giulio II, Della Rovere (1503-1513), il palazzo fu donato al nipote del papa, Francesco Maria Della Rovere, e nel 1601 venne acquistato dagli Aldobrandini, dai quali, per matrimonio, passò ai Pamphilj estintosi nei Doria. La movimentata facciata in via del Corso è capolavoro di Gabriele Valvassori (1683-1761). Il palazzo ospita la famosa omonima Galleria d'arte. Al centro del cortile quadrato, attorno al quale gira la splendida Galleria Doria Pamphilj, si trova una semplice fontana di forma circolare, a fior di terra, in mezzo alla quale, da una piccola formazione rocciosa, si eleva un forte zampillo, che assume la forma di una bolla di sapone.

 Torna al Menù Rione Pigna     Torna alla Home