Villa Lante Bagnaia Viterbo Fontana dei Delfini



Fino al 1615 era denominata "fons coralli" ed era coperta da un chiosco ligneo con rampicanti. Il motivo ornamentale è costituito da sedici delfini, disposti a coppia agli angoli dell'ottagono, che sostengono altrettante volute aggettanti. Le colonne doriche erano sormontate da un'uccelliera o da intelaiature che formavano portici di passaggio. Qui, come già nella tavola del cardinale e in altre fontane del giardino, esiste uno scherzo d'acqua: gli zampilli possono schizzare dal basamento tutt'intorno, bagnando chi si avvicina o chi è seduto sulle panchine. Esistono disegni secenteschi del Guerra che ci presentano un aspetto un pò diverso rispetto all'attuale per la fontana. Doveva, difatti, esistere all'intorno della fontana stessa un padiglione che la circondava, in materiale deperibile non più esistente. I cronisti dell'epoca vi descrivono anche tronchi di finto corallo per cui anche in questa fontana si è voluta individuare l'allegoria dell'acqua del mare nella rappresentazione sommaria di alcuni aspetti di fauna marina, quali delfini e coralli.

 

Torna al Menù di Villa Lante     Torna alla Home