Villa Lante Bagnaia Viterbo Fontana dei Lumini


Si trova nel primo ripiano d'ingresso alle palazzine, al centro del muro di sostegno della terrazza superiore. Ha forma rotonda ed è per metà addossata al terrapieno. Settanta lumini gettano zampilli che incorniciano un getto d'acqua centrale. Per questa fontana è stata suggerita l'interpretazione di allegoria del fuoco. Ai lati di questa fontana si trovano due grotte artificiali con le statue di Nettuno e di Venere, intesa come Diana Cacciatrice. Nella grotta di Venere ci sono tre piccoli ambienti con pareti a tartari, con nicchie, ninfe e mostri marini, che riflettono in pieno il gusto tardo rinascimentale. La tecnica di rivestimento a tartaro di queste nicchie e delle pareti laterali delle logge della fontana del diluvio richiama quanto, in maniera più diffusa, è stato realizzato nelle fontane della Villa d'Este di Tivoli.

 

Torna al Menù di Villa Lante     Torna alla Home