Palazzi di Roma Palazzo Massimo Museo Nazionale Romano Piano Terra Opere di stile neoattico dei secoli II-I a.C




A partire dal II sec. a. C. Roma venne coinvolta da un fenomeno di profonda ellenizzazione, provocato dal progressivo contatto della città con il mondo greco attraverso eventi militari, politici e rapporti commerciali. Le opere dell'arte greca giunte a Roma si rivelarono un elemento dirompente per la cultura e il gusto dei Romani. L'aspirazione da parte delle classi più elevate a ricreare, in piccolo, il lusso delle corti ellenistiche diede vita a una forma di collezionismo come segno di prestigio politico e personale; contemporaneamente l'impatto con l'arte, la letteratura e la filosofia del mondo greco determinò un graduale assorbimento di questa cultura, evidente nelle nuove manifestazioni artistiche e nelle opere pubbliche e private. Nonostante la difesa della tradizione da parte di personaggi eminenti come Catone, il gusto per le creazioni artistiche greche si diffuse a tal punto che fu necessario ricorrere alla produzione di copie e rielaborazioni delle opere originali, insufficienti ad esaudire la crescente richiesta.

 

Torna al Menu del Palazzo Massimo Piano Terra             Torna alla Home