Porte di Roma Porta Maggiore Cinta Difensiva Aureliano


Aureliano fra il 270 e il 275 d.C., per la fretta di concludere la cinta difensiva delle sue mura a difesa dalle sempre più numerose invasioni degli Alemanni, fa riutilizzare, o inglobare, senza incertezze, un gran numero di costruzioni preesistenti che sorgevano ai margini di Roma. Riusò come baluardi difensivi l'anfiteatro castrense e la piramide di Caio Cestio, e come strutture di riempimento e consolidamento, case, tombe e tratti di acquedotti. Ed è così che anche questo poderoso doppio fornice, edificato in posizione strategica all'uscita di due grandi vie pubbliche, fu riutilizzato per farne un'imponente doppia porta delle nuove mura.  

 

Torna al Menù  Porta di Porta Maggiore                        Torna alla Home