Roma Antica Scavi di Pompei Regio VII numero di mappa 7 Macellum

Macellum è un antico mercato coperto, destinato alla vendita di generi alimentari. Quando il terremoto del 62 distrusse vaste parti di Pompei, anche il Macellum fu danneggiato. Scavi archeologici hanno rivelato che i lavori di riparazione non erano completati al momento dell'eruzione del 79. Il mercato occupa un angolo del Foro inserito in una corte porticata circondata da file regolari di “tabernae”, sul lato est sono presenti tre grossi vani, rialzati rispetto al resto dell'edificio e raggiungibili tramite cinque scalini. Il vano centrale era destinato agli onori per la casa imperiale, infatti sulla parete laterale ci sono le copie di due statue in marmo rinvenute insieme al frammento di una statua più grande probabilmente pertinente ad un imperatore. Il vano alla sua sinistra si trova un ambiente per le riunioni di sacerdoti ed è ornato con un piccolo altare.

 

 Nei pressi di questa stanza furono ritrovate circa un migliaio di monete, oltre a scheletri di bue, forse resti di sacrifici. L'ambiente di destra era invece utilizzato per la vendita di carne e pesce ed era dotato di un ampio bancone in muratura. Lungo il lato sud sono disposti una serie di ambienti, destinati alla vendita dei generi alimentari; in queste botteghe sono stati ritrovati alcune anfore, alimenti come castagne, fichi, legumi, uva e frutta, ora conservati al Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

Torna al Menù degli Scavi di Pompei