Chiese di Roma Rione Campitelli Basilica di Santa Maria in Ara Coeli navata centrale




L'interno, vasto e imponente, ha uno sviluppo solenne con ventidue colonne, provenienti dalla precedente chiesa benedettina di Santa Maria in Capitolio, le colonne sono materiale di spoglio provenienti dal Foro Romano. La navata centrale è delimitata da undici colonne per lato; la 3ª colonna sinistra, di granito roseo di Assuan e marmo bianco ha nella parte superiore un'iscrizione «A cubiculo Augustorum», che indica come essa provenga dalla stanza da letto dell'imperatore Augusto a ricordo della leggenda che narra come Augusto abbia avuto l'apparizione della Vergine col Bambino nella sua camera da letto. La colonna, che si ritiene in realtà eseguita in età tardoantica o medievale, è attraversata da un foro obliquo, probabilmente utilizzato per osservazioni stellari. Il ricco soffitto ligneo a cassettoni della Basilica fu realizzato da Girolamo Siciolante, detto il Sermoneta e da Cesare Trapassi (1572-75) con al centro la Vergine e il Bambino, e stemmi di Gregorio XIII, Pio V e del Senato romano, fu da quest'ultimo fatto eseguire, in ringraziamento della vittoria di Lepanto e il trionfo del grande capitano della flotta pontificia Marcantonio Colonna. Nella basilica sono conservate numerose tombe di uomini illustri del passato.

 

Torna al Menù di Santa Maria in Ara Coeli                Torna alla Home