Chiese di Roma Rione Monti Basilica San Giovanni in Laterano Tomba di Silvestro II

Silvestro II (999-1003) La tomba di questo ultimo, che gli fu eretta da Sergio IV (1009-12), secondo la leggenda che lo qualificò come “papa mago” ci riserva particolari misteri. Si racconta che da essa, nell’imminenza della morte di un papa fuoriuscisse una certa quantità d’acqua mentre all'approssimarsi della morte di un cardinale il sepolcro s’inumidisse soltanto. Tutto questo finché nel 1684 il sarcofago venne aperto: il corpo di Silvestro fu trovato ancora intatto, vestito dei paramenti pontificali, le braccia incrociate sul petto e in capo la tiara. Fu la visione un attimo; al contatto con l'aria tutto si ridusse in cenere e si sparsero all’interno i profumi dell’imbalsamazione. Grande uomo di scienza fu ritenuto per questo un mago e gli si attribuì perfino un patto col diavolo, in base al quale si sarebbe costruito un Golem, imprigionando il demonio in una testa d'oro, che avrebbe risposto alle sue domande con un cenno del capo, guidandolo nelle scelte. Anche la sua fine è avvolta nella leggenda: alla precisa domanda da lui posta al Golem sulla sua morte, «Morirò prima di cantar messa a Gerusalemme?», quello avrebbe risposto negativamente. Silvestro II era tranquillo, perché sarebbe stato sufficiente che non andasse in pellegrinaggio a Gerusalemme; se nonché andò a celebrare la messa nella basilica di Santa Croce in Gerusalemme e qui fu colto da malore dopo la messa. Capì che era la fine e ordinò ai chierici di disporre il suo cadavere su un carro trainato da buoi e di essere sepolto là dove il carro si fosse fermato; era il 12 maggio 1003. Il carro si fermò davanti alla basilica di San Giovanni in Laterano.  

Torna al Menù Basilica San Giovanni      Torna alla Home

.