Chiese di Roma Rione Monti Basilica Di San Pietro in Vincoli interno

Alla basilica si accede tramite il portico per un portale marmoreo quattrocentesco, è imponente per le proporzioni e le 20 colonne doriche antiche di marmo imezio (le basi ioniche sono settecentesche). La navate centrale, conclusa da un arco trionfale su due colonne antiche di granito con capitelli corinzi, presenta la struttura datale nel 1705-1706 da Francesco Fontana che aggiunse la pesante volta lignea ribassata e cassettonata (al centro, Miracolo delle catene di Giovanni Battista Parodi , 1706). I grandi restauri del Medioevo e quelli anche più notevoli del periodo rinascimentale non hanno alterato troppo profondamente la struttura basilicale nell'insieme che, tutto sommato, ci appare come uno dei più completi esempi di basilica paleocristiana. I grandiosi colonnati che dividono le tre navate, formati da colonne doriche di marmo bianco, danno vivissima la percezione del classicismo e della grandezza di Roma antica; l'eccezionale larghezza della navata mediana è tipica delle basiliche paleocristiane. Nella vastità un po' nuda dell'insieme quasi spariscono le note di colore e le opere d'arte degli altari.


Torna al Menù di San Pietro in Vincoli     Torna alla Home