Chiese di Roma Rione Regola Chiesa della Santissima Trinità dei Pellegrini

La chiesa della SS. Trinità dei Pellegrini, è in via dei Pettinari 36 nel rione Regola; fu edificata sul sito del tempio più antico dedicato a S. Benedetto in Arenula, fondato intorno all'XI-XII sec. ed officiato dai monaci dell'abbazia di Farfa. Nel 1558 papa Paolo IV (1555-1559) concesse la chiesa ed il monastero annesso alla Compagnia della SS. Trinità dei Pellegrini e Convalescenti: confraternita fondata nel 1540 da un gruppo di laici riuniti da S. Filippo Neri e dedito alla preghiera collettiva. In occasione del Giubileo del 1550 ai compiti dei confratelli si aggiunse quello dell’assistenza ai pellegrini e convalescenti poveri, che in seguito rimase la loro principale attività. Francesco de Sanctis (autore della celebre scalinata di Trinità dei Monti) realizzò la facciata a due ordini leggermente concava, in evidente rapporto con quella di S. Marcello al Corso di Carlo Fontana. La facciata è ornata dalle Statue dei quattro Evangelisti, opera di Bernardino Ludovisi. Sulla facciata della chiesa è posta una lapide che ricorda la morte di Goffredo Mameli avvenuta il 6 luglio 1849. Morì durante l'assedio di Roma, l'ultimo atto della breve Repubblica romana del 1849: capitano nell'esercito di Garibaldi, combatté al suo fianco nella difesa della Villa del Vascello sul colle del Gianicolo. Fu ferito alla gamba sinistra durante l'ultimo assalto del 3 giugno a Villa Corsini, occupata dai francesi.