Palazzi e Ville di Roma Villa Farnesina loggia di Galatea


Dalla loggia si accede alla sala di Galatea, i cui archi aperti sul giardino furono chiusi nel 1650. I dipinti, in gran parte ritoccati nel 1863, sono stati restaurati nel 1969-73. Il soffitto di Baldassarre Peruzzi.  si articola in spazi geometrici divisi dall'architettura dipinta che si raccorda alle pareti; i temi mitologici e astrologici compongono l'oroscopo di Agostino Chigi. Sulla parete grande, il celebre affresco di Raffaello (1513-14) mostra Galatea, per la quale fece da modella la famosa cortigiana Imperia amata da Agostino Chigi, su un cocchio tirato da delfini, con le creature marine del corteggio. A sinistra di questa, Polifemo di Sebastiano del Piombo (1512-13), al quale si devono anche le lunette che rivelano il vivace cromatismo della cultura veneziana dell'artista e illustrano le «Metamorfosi» di Ovidio (1511-12): i miti di Teseo, di Filomele, di Agraulo ed Erse, di Dedalo e Icaro;la Caduta di Fetonte; Giunone sul carro alato; Soffia; Orizia. Al Peruzzi va attribuita la testa monocroma tradizionalmente assegnata a Michelangelo; le grottesche delle paraste sono state riferite a Domenico Beccafumi.

 

Torna al Menù di Villa Farnesina             Torna alla Home