Palazzi di Roma Palazzo Pontificio Cappella Sistina Profeti esposti lato Sinistro

Profeta Geremia è rappresentato a capo chino, il viso oppresso con uno sguardo spento e una sofferenza rimarcata dalle profonde rughe intorno agli occhi, sta a gambe divaricate, busto curvato in avanti, la mano destra sostiene la testa, ha un braccio poggiato su un ginocchio. Nelle sue inascoltate profezie vide sconsolato la distruzione di Gerusalemme e il suo Tempio, le deportazione del suo popolo in Babilonia, il terribile esercito di Nabucodonosor che invadeva la sua terra.

Profeta Ezechiele è rappresentato come una figura energica con una veste di colore rosso vivo equilibrato dal violetto della sciarpa che gli scivola lungo un fianco e dall'azzurrino freddo del cappuccio. Egli regge nella sinistra un rotolo e col volto si gira di scatto verso uno dei due inservienti dietro di lui, che gli indica l'alto dove si trova la scena della Creazione di Eva. Ezechiele è infatti il profeta legato alla predizione della nascita della Vergine, prefigurata da Eva.

Profeta Gioele è rappresentato seduto frontalmente, mentre svolge e legge con attenzione un rotolo. Il suo volto è incorniciato da ciocche di capelli bianchi ed emana una forte concentrazione. Indossa una tunica violetto chiaro, con un collo verde e una chiusura sul petto con un laccio bianco. Profetizzò oltre all'oscurarsi del cielo e della terra e ad altre calamità, presagi per la discesa dello Spirito Santo , quando riportò le parole di Jehova: «Io spanderò il mio spirito sopra ogni carne

Torna al Menù della Cappella Sistina